Panoramica sugli aggiornamenti di Windows Server

Microsoft ha interrotto il supporto esteso a Windows 7, una delle più apprezzate versioni del suo sistema operativo. L'azienda si era impegnata a fornire 10 anni di supporto tecnico ed ha mantenuto la promessa. Il termine scade oggi, 14 gennaio 2020Da domani, una notifica a tutto schermo lo ricorderà a chi continua ad usare Windows 7.

  • Il processo di aggiornamento a una nuova versione di Windows Server può variare notevolmente a seconda del sistema operativo di partenza e del percorso scelto. Per distinguere le diverse azioni, ognuna delle quali potrebbe essere richiesta per una nuova distribuzione di Windows Server, usiamo i termini seguenti.
 
  • Aggiornamento. Noto anche come "aggiornamento sul posto". Passi da una versione precedente del sistema operativo a una versione più recente, rimanendo nello stesso hardware fisico. Questo è il metodo che illustreremo in questa sezione.

     Importante

    Gli aggiornamenti sul posto possono anche essere supportati da società di cloud pubblico o privato. Per informazioni dettagliate, rivolgiti al provider di servizi cloud. Inoltre, non potrai eseguire un aggiornamento sul posto su qualsiasi server Windows configurato per l'avvio da VHD.

  • Installazione. Nota anche come "installazione pulita". Passi da una versione precedente del sistema operativo a una versione più recente, eliminando il sistema operativo precedente.

  • Migrazione. Passi da una versione precedente del sistema operativo a una versione più recente, mediante il trasferimento a un diverso set di hardware o macchina virtuale.

  • Aggiornamento in sequenza del sistema operativo del cluster. Aggiorni il sistema operativo dei nodi del cluster senza interrompere i carichi di lavoro di File server di scalabilità orizzontale o Hyper-V. Questa funzionalità consente di evitare tempi di inattività che potrebbero influire sui contratti di servizio. Per altre informazioni, vedi Aggiornamento in sequenza del sistema operativo del cluster.

  • Conversione della licenza. Converti una determinata edizione della versione in un'altra edizione della stessa versione con un'unica operazione, usando un semplice comando e il codice di licenza appropriato. Questo processo è definito come "conversione delle licenze". Ad esempio, se il server esegue Windows Server 2016 Standard, puoi convertirlo in Windows Server 2016 Datacenter.

A quale versione di Windows Server dovrei eseguire l'aggiornamento?

Consigliamo di eseguire l'aggiornamento alla versione più recente di Windows Server: Windows Server 2019. L'esecuzione della versione più recente di Windows Server consente di usare le funzionalità più recenti, incluse le funzionalità di sicurezza più recenti, e offre le migliori prestazioni.

Tuttavia, ci rendiamo conto che non è sempre possibile. Puoi usare il diagramma seguente per determinare la versione di Windows Server a cui puoi eseguire l'aggiornamento, in base alla versione in uso:

Percorsi di aggiornamento sul posto disponibili

Windows Server può essere in genere aggiornato ad almeno una, e a volte due, versioni. Ad esempio, Windows Server 2012 R2 e Windows Server 2016 possono essere entrambi aggiornati sul posto a Windows Server 2019.

Puoi anche effettuare l'aggiornamento da una versione di valutazione del sistema operativo a una versione definitiva, da una versione definitiva precedente a una più recente oppure, in alcuni casi, da un'edizione del sistema operativo con contratto multilicenza a una normale edizione definitiva. Per altre informazioni su opzioni di aggiornamento diverse dall'aggiornamento sul posto, vedi Opzioni di aggiornamento e conversione per Windows Server.

I-SERVICE S.R.L.
P.iva  03315220982
© 2019 I-Service S.r.l.

Note legali

Contatti

  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • +39 030.2077667